Le mie risposte al questionario di Proust (so che se ne sentiva il bisogno…)

La cosa che mi piace di più di me stesso/a:
la lealtà e la libertà di pensiero
La cosa che più detesto di me stesso/a:
l’ignavia-pigrizia
Quello che mi fa piacere un uomo:
il sense of humour, lo sguardo profondo, il dinamismo
Quello che mi fa piacere una donna:
idem + la lealtà; ora che ci penso bene anche in un uomo la lealtà non è affatto secondaria, ma qui volevo dire lealtà intesa anche come solidarietà femminile (rarissima!)
Cosa ci vuole per diventarmi amico:
sincerità e affetto
La volta che sono stato/a più felice:
Indecisa fra tre momenti: il mio matrimonio (!), il giorno che ho stretto mio figlio per la prima volta fra le braccia, un giorno a Verona con F.
La volta che sono stato/a più infelice:
Nessun dubbio: il giorno che ho perso mia sorella (ed è un’infelicità durevolmente acuta)
In che cosa mi trasformerei, se avessi la bacchetta magica?
In un benefattore dell’umanità (uno statista illuminato, un ricercatore scientifico brillante, un filantropo ricchissimo)
Cosa sognavo di fare da grande?
La ballerina
L’errore che non rifarei:
sono tanti, tantissimi; su tutti, aver chiuso l’ascolto per egoismo
La persona di cui sono segretamente ma follemente innamorato/a:
non esiste (né follemente, né segretamente, né blandamente, né apertamente). Sob!
La persona che invidio di più:
non c’è ( l’invidia non mi appartiene, anche perché sono presuntuosissima)
La persona che ammiro di più:
Gandhi. In generale, le persone coraggiose e determinate
La persona che ringrazio Dio di non essere:
una squallida opportunista
Tre libri da portare sull’isola deserta:
Amleto, Via col vento, L’idiota
Il libro che dovrebbe avere un seguito:
 Ubik
Il rosso o il nero?
Rosso
Il capriccio che non mi sono mai tolto/a:
Una vasca jacuzzi in bagno
L’ultima volta che ho perso la calma:
non lo ricordo: mi capita di rado. Anzi, no: mi capita di rado di esternare la rabbia, ma giusto l’altro ieri la calma l’ho proprio persa, perché mi sono sentita presa in giro
Chi vorrei fosse il mio angelo custode?
Credo di averne già più di uno: i miei cari che hanno traslocato nell’aldilà, i pazienti che ho curato con amore
La volta che mi sono sentito fiero/a di essere italiano/a:
Mai. Anche quando penso che l’Italia sia meravigliosa (per le opere d’arte, la cucina, il clima) non riesco ad essere orgogliosa di una casualità che mi ha fatto nascere in quest’angolo di mondo
La volta che mi sono vergognato/a di essere italiano/a:
Ci pensa quotidianamente il primo ministro a fornirmene l’occasione. E mi capita praticamente tutte le volte che trovo altri italiani all’estero
Cosa farei per sostenere ciò in cui credo?
Poco, ahimé. Non ho nessuna vocazione
all’eroismo, mentre sono abitata da un vorace scetticismo.
Come vorrei morire?           
Circondata dalle persone che amo e pacificata, senza conti in sospeso
 
Il mio sogno ricorrente
Attualmente non ne ho, o non ne ricordo. In passato mi è capitato spesso di sognare di essere su un’auto lanciata a folle velocità, senza freni
La cosa che mi fa più paura
La cattiveria abbinata alla stupidità
Mi fa sempre ridere
la Littizzetto
Che farei a Dio se avessi l’occasione di parlargli a quattr’occhi
Gli chiederei di spiegarmi meglio la faccenda del libero arbitrio
E’ bello
un bambino che ride
E’ brutto
constatare l’irrimediabilità dei corsi e ricorsi storici e la ripetitività della guerra
Mi fa veramente schifo
la pedofilia
La qualità che vorrei avere
 La solidità affettiva (la capacità di amare senza aspettarsi di essere ricambiata)
Le mie manie
i solitari con le carte e leggere a letto
La mia stagione preferita
 L’estate
Cane o gatto?
Gatto, senza dubbio
Il peccato capitale che rischi di più
L’accidia (e non è un rischio ma una certezza)
Cosa pensi piaccia più di te agli altri?
Non ne ho la più pallida idea. Forse, la lealtà. O l’intelligenza (ma si può dare una risposta più stupida?)
Come ti immagini il futuro?
La verità? Sola e malata
Qual è la pazzia più grossa che hai fatto?
Non aver mai fatto pazzie
 
 
Annunci

~ di aliceoltrelospecchio su dicembre 10, 2011.

3 Risposte to “Le mie risposte al questionario di Proust (so che se ne sentiva il bisogno…)”

  1. c’è un errore nell’ultima domanda.
    la pazzia più grossa che hai fatto potrebbe essere quella di aver sognato d’essere su un’auto senza freni lanciata a folle velocità.
    mmmm…
    🙂

  2. La scuola, in un paese libero e normale, non istruisce soltanto. Che quello lo si può fare anche con un computer e un software. La scuola di un paese libero educa alla libertà, e forma menti capaci di giudizio. Forma uomini e donne capaci di imparare ad imparare, persone che non avranno paura del nuovo e sapranno cavarsela anche quando l’istruzione ricevuta sarà superata dai tempi, anche quando le conoscenze di oggi saranno diventate obsolete. Aiuta a sviluppare le doti peculiari di ognuno, e aiuta a capire quanto siano importanti gli affetti, le emozioni e quanto sia bello e difficile vivere insieme. La scuola di un paese libero non punta al ‘prodotto’, ma al percorso per arrivarci; non tratta gli allievi come utenti, ma come soggetti portatori di diritti e doveri, e concepisce ogni bambino come frutto di una storia passata che un giorno riceverà in eredità i frutti della nostra storia presente. La scuola di un paese libero non esclude nessuno, non seleziona e non discrimina, rimuove gli ostacoli che condizionano il pieno sviluppo dell’intelligenza e della socialità, e promuove le differenti capacità di tutti. La scuola di un paese libero è laica e non indottrina e lascia spazio alla costruzione personale di ogni possibile fede … E qui casca l’asino.
    Vabbé, fine del sogno. Mi piacerebbe che fosse davvero così, e nel mio piccolo faccio in modo che lo sia, nonostante.

  3. mi ha colpito la questione del libero arbitrio…una volta chiesi ad un amico esperto di teologia: com’è che Dio, che è supremo, permette che il diavolo gli si ribelli e operi verso il male, (ammesso che tutto ciò esista). Lui mi rispose: perchè anche il demonio “gode” del libero arbitrio. Così tanto per dire!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: